movies, trailers, news e box office mondiale

Hillary Clinton sconfitta dal deplorevole Chuck Norris

Hillary Clinton sconfitta dal deplorevole Chuck Norris

Cultura  | Pubblicato il 24 agosto 2017 |

All'inizio dello scorso settembre, quando la disfatta del 9 novembre 2016 era ancora di là da venire ma non era più del tutto inattesa, Hillary Rodham in Clinton perse l'autocontrollo, e durante una cena di raccolta fondi fece un'uscita della quale si pentì: «Possiamo mettere metà dei supporter di Trump in quello che chiamo il cestino dei deplorevoli: razzisti, sessisti, omofobi, islamofobi e tutta quella roba lì Dei miserabili, insomma, che non sono America, a cui Trump ha sfortunatamente dato voce». I 6 milioni di dollari raccolti in quell'occasione non sono bastati alla ex first lady a compensare i contraccolpi dell'infelice battuta, rilanciata dalla stampa e dai sostenitori di Trump, che hanno colto l'occasione per dimostrare come Hillary avesse «mostrato i suoi reali sentimenti di odio e disprezzo nei confronti di milioni di americani». A questo episodio fa riferimento il titolo del saggio di Paolo Borgognone, Deplorevoli? L'America di Trump e i movimenti sovranisti in Europa (Zambon, pagg. 334, euro 18), un'originale analisi delle motivazioni che, nelle elezioni presidenziali statunitensi, hanno fatto vincere un candidato impresentabile, un outsider lontano dalle oligarchie politicamente corrette.

Leggi tutto larticolo su: www.ilgiornale.it

Vota l'articolo:
2.00 di 5.00 basato su 1 voti

Immagini

Altri articoli su Filmring

Commenti